Viaggiare all'interno

Per visitare i parchi nazionali viene organizzato il trasporto in piccoli pulmini. Si superano più facilmente le asperità del terreno e si gode di una visibilità maggiore. Sulla costa e in città invece si usano i taxi.
Sono senza tassametro ed è d’obbligo trattare il costo prima di salire e pagare solo scendendo dal taxi. E’ consuetudine dovuta la mancia di circa il 10%.

Per spostamenti di lunga tratta, si usano i collegamenti aerei locali della Kenya Airways: non è costoso ma non sempre è facile trovare posto. Sono comunque numerosi, poiché la rete aerea locale è molto ben sviluppata, con abbondanza di piste d’atterraggio.

 

 

Spostarsi in treno

La rete ferroviaria è sufficientemente sviluppata. Il tratto più frequentato dai turisti è la linea Nairobi / Mombasa. In circa 13 ore si effettua il collegamento tra le due città.

Leggi tutto

Spostarsi in pullman

Spostarsi in pullman tra una città e l’altra costa meno che farlo in treno e si impiega anche meno tempo. Lo svantaggio è il sovraffollamento.
Sono presenti servizi di autobus extraurbani, con orari abbastanza regolari. Poi ci sono i pullman collettivi che danno un servizio buono e regolare ma sono sovraffollati.

Leggi tutto

Spostarsi in auto o in moto

E’ possibile noleggiare sia auto che motociclette.
Per la guida di autoveicoli, la patente internazionale (è rilasciata dall’ACI) vale un anno, mentre la patente italiana vale tre mesi. E’ possibile il noleggio purchè si abbiano 23 anni.

Leggi tutto

Spostarsi in battello

Non sono previsti mezzi di trasporto regolare per acqua, neppure lungo le coste. Ci sono solo piccoli sambuchi (dhow), battelli adibiti al trasporto merci su piccole distanze, quindi senza cabine né servizi. Sono scomodi e un po’ costosi. Possono essere una esperienza interessante per un breve tragitto, se il comandante accetta il turista.

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. - maggiori dettagli.

Navigando in questo sito accetti l'uso di cookie.