Kuki Gallmann

Kuki Gallmann è la scrittrice che, in anni più recenti rispetto alla grande Karen Blixen, ha scritto un libro altrettanto meraviglioso sul Kenya “Sognavo l’Africa”. Ha scritto inoltre anche “Notti africane” e “Il colore del vento”.

Kuki Gallmann è figlia dello scrittore – medico – esploratore e archeologo trevigiano Cino Boccazzi. Dopo un matrimonio giovanile di breve durata – da cui nacque il primo figlio Emanuele Pirri – si trasferì in Kenya negli anni tra il 1970 e il 1972, al seguito del secondo marito Paolo Gallmann, (di origine svizzera, esperto di agraria) da sempre innamorato dell’Africa. La scrittrice subisce immediatamente il fascino di quella terra e decide di stabilirsi qui definitivamente. La coppia visita i posti migliori della regione, finchè decidono di acquistare una tenuta nella regione di Laikipia, che si estende dal monte Kenya all’orlo della grande Rift Valley. Erano i luoghi amati dal famoso Lord Delamere, aristocratico esploratore inglese dei primi anni del 1900: il posto abbonda di animali selvatici, verdeggia di pascoli, si presenta ricco di colline, fiumi e sorgenti. Qui ebbero inizio i celebri “White Highlands” dell’inizio del secolo.

 

I Gallmann acquistano la tenuta di Ol Ari Nyiro, un ranch enorme di 400 chilometri quadrati, che si estende su colline, gole e pianure, famoso per l’abbondanza e la varietà di animali selvatici, soprattutto rinoceronti, elefanti e bufali; vi sono comprese savane, boscaglia, foresta, pareti rocciose, … La scrittrice è incantata dalla bellezza e dalla vastità dei luoghi. Vive i suoi primi anni africani come un sogno felice, alla scoperta di un nuovo mondo, degli animali e delle loro abitudini, degli indigeni e della loro lingua. Ma la tragedia è in agguato: nel 1980, mentre la Gallmann è incinta di Sveva, la sua seconda figlia, il marito muore travolto in un incidente d’auto sulla strada di Mombasa. Qualche tempo dopo – nel 1983 – un altro lutto sconvolge la sua vita: muore il primo figlio Emanuele, morso da un serpente. La scrittrice narra gli eventi luttuosi con una sensibilità toccante e struggente nel suo libro “Sognavo l’Africa” , che è tutto un canto d’amore per quelle terre lontane.

 

Dopo un primo periodo di estrema sofferenza per tragedie così grandi, la Gallmann ritrova il coraggio di vivere. Non vuole fuggire via e arrendersi ma decide di continuare a vivere in Africa, la terra tanto amata dai suoi cari. In loro memoria, da vita alla Gallmann Memorial Foundation con lo scopo di proteggere l’ambiente naturale, rispettare e conservare le tradizioni locali, alla ricerca di un equilibrio armonioso con le tecniche innovative. Il suo ranch diventa un’oasi di riserva per la sopravvivenza di animali insidiati come il rinoceronte nero e gli elefanti, in una possibile convivenza con animali domestici, piantagioni ed esseri umani, un’armoniosa coesistenza tra uomo e natura. Nella sua tenuta convergono scienziati e botanici, etnologi e zoologi, veterinari ed erboristi, tutti animati da spirito conservazionista. Gli indigeni ritrovano le abilità creative tradizionali nel Centro d’arte e artigianato, lavorando pelli, cotone, lana, semi colorati, zucche, legno, cortecce, radici, … Una piccola scuola tramanda la medicina delle erbe, secondo l’uso tradizionale di semi, baccelli, cortecce d’albero e piante a scopi terapeutici. Si cerca di ritrovare e conservare tutto il patrimonio e l’identità di un popolo che è indifeso di fronte all’invadenza della civiltà consumistica della plastica e del nylon. La riserva continua ad essere anche oggi un angolo prezioso del Kenya.

Dal suo libro “Sognavo l’Africa” è stato tratto il film omonimo, interpretato da Kim Basinger e Vincent Perez , del 1998, regia di Hugues Hudison.

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. - maggiori dettagli.

Navigando in questo sito accetti l'uso di cookie.